EN
Home Page

Partner per la Conoscenza

EN
Blocco dei licenziamenti: proroga ed eccezioni nel Decreto Agosto

News

Blocco dei licenziamenti: proroga ed eccezioni nel Decreto Agosto

Il divieto di licenziamento per motivi economici si applica alle sole aziende ancora in CIG o che utilizzano l’esonero contributivo, ad eccezione dei casi di cessazione dell’attività, fallimento e accordo collettivo.

Il Decreto Legge n. 104 del 14 agosto 2020 (cd. decreto Agosto) ha disposto la proroga del divieto di licenziamento per giustificato motivo oggettivo stabilito dai precedenti provvedimenti del Governo, introducendo tuttavia diverse significative novità. Nello specifico, il blocco dei licenziamenti per motivi economici risulta condizionato all’utilizzo da parte delle aziende dei trattamenti di integrazione salariale o dell’esonero contributivo contenuti nello stesso decreto Agosto. In particolare, il divieto di licenziamento grava sulle aziende che usufruiscono di: 

  • cassa integrazione riconducibile all’emergenza COVID-19, prevista all’art. 1 del decreto in esame per una durata massima di 18 settimane, a partire dal 13 luglio;
  • esonero dal versamento dei contributi previdenziali per le aziende che non usufruiscono dei trattamenti di integrazione salariale, introdotto dall’art. 3 e della durata di 4 mesi.

Quando si può licenziare? Scopri le eccezioni

Inoltre, rispetto alla disciplina contenuta nei precedenti provvedimenti, il decreto Agosto prevede diverse eccezioni al divieto di licenziamento, in virtù delle quali il nuovo blocco non opera più in maniera assoluta e generalizzata. Nello specifico, l’azienda può legittimamente recedere dal rapporto di lavoro in caso di:

  • cessazione definitiva dell’attività dell’impresa, conseguente alla messa in liquidazione della società senza continuazione - anche parziale - dell’attività, nel caso in cui, nel corso della liquidazione, non si configuri la cessione di un complesso di beni o attività che possano configurare un trasferimento d’azienda o di un ramo della stessa;
     
  • accordo collettivo aziendale di incentivo alla risoluzione del rapporto di lavoro, stipulato dalle organizzazioni sindacali più rappresentative a livello nazionale, riconoscendo ai lavoratori che aderiscono la NASpI;
     
  • fallimento, qualora non sia previsto l’esercizio provvisorio dell’impresa ovvero ne sia disposta la cessazione.

La norma consente così alle aziende in crisi a seguito dell’emergenza COVID-19 di recedere legittimamente tramite un accordo collettivo aziendale di incentivo alla risoluzione del rapporto, al quale i lavoratori possono aderire volontariamente. A tal proposito, l’art. 14 del decreto in esame specifica che l’adesione dei lavoratori a tale accordo collettivo non pregiudica il diritto all’indennità di disoccupazione NASpI, ordinariamente escluso in caso di cessazione volontaria del rapporto. 

Infine, il comma 4 del medesimo articolo conferma quanto previsto dal precedente decreto Rilancio, riconoscendo alle aziende la possibilità di revocare le procedure di licenziamento già avviate, a condizione che richiedano contestualmente la cassa integrazione, a partire dalla data in cui ha efficacia il licenziamento: in tal modo, il rapporto di lavoro si intende ripristinato senza soluzione di continuità, senza oneri né sanzioni per il datore di lavoro.

Al pari di quanto previsto originariamente dal cd. decreto Cura Italia, rimangono esclusi dal divieto – in aggiunta alle eccezioni contenute nel decreto Agosto - i licenziamenti dovuti a ragioni disciplinari, per giusta causa e giustificato motivo soggettivo, oltre a quelli intimati durante o al termine del periodo di prova o di apprendistato, per superamento del periodo di comporto e per sopraggiunta inidoneità allo svolgimento delle mansioni. 

L’Agenzia Investigativa Dogma S.p.A. è specializzata nella corretta acquisizione dei riscontri idonei a documentare comportamenti punibili con un licenziamento disciplinare, attraverso l’acquisizione di prove testimoniali e/o documentali utilizzabili in sede giudiziaria. 

Se hai fondate ragioni per licenziare un tuo dipendente, rivolgiti a noi per una consulenza professionale.

Autore: Dr. Alessandro Pugno
Junior Legal Counsel - Ufficio Legale Dogma S.p.A

Puoi anche attivare la tua Indagine Online in modo semplice, sicuro e da qualunque luogo. Scopri come sul sito dedicato.

La realtà pone domande.
Noi cerchiamo le risposte.

- Colloquio preliminare GRATUITO
- Massima RISERVATEZZA
- Risposta RAPIDA
confermo di aver preso visione dell'INFORMATIVA
tutti i campi sono obbligatori