EN
Home Page

Partner per la Conoscenza

EN
Cos'è la concorrenza sleale e come difendersi

News

Cos'è la concorrenza sleale e come difendersi

Scopri cos'è la concorrenza sleale, le diverse tipologie di atti configuranti una concorrenza sleale e le soluzioni per contrastarli

Cos'è la concorrenza sleale

Per concorrenza sleale si intende il compimento di atti “non conformi ai principi della correttezza professionale e idonei a danneggiare l’altrui azienda”, secondo la definizione contenuta nell’art. 2598 del Codice civile. Tale previsione si rende necessaria al fine di limitare la libertà di iniziativa economica, tutelando correttezza e lealtà della competizione di mercato tra due o più aziende che operano all’interno dello stesso settore. 

Si tratta dunque del compimento di una serie di atti vietati dal nostro legislatore che provocano un danno ingiusto ad un’azienda oppure un errore di giudizio del consumatore.

In ambito economico, la concorrenza è la competizione tra due o più aziende che operano all’interno dello stesso settore e che, per tanto, si rivolgono alla medesima tipologia di clientela. In regime di libero mercato, la concorrenza è del tutto lecita ma, per essere tale, deve rispettare le limitazioni imposte dalle leggi in vigore ed in particolare dal Codice Civile. 

La concorrenza sleale, secondo la legge e l'obbligo di fedeltà

Il lavoratore ha precisi obblighi nei confronti del proprio datore di lavoro, in particolare in relazione a diligenza e fedeltà. Il primo viene definito dall’articolo 2104 del Codice Civile, il quale dispone che “il prestatore di lavoro deve usare la diligenza richiesta dalla natura della prestazione dovuta, dall’interesse dell’impresa e da quello superiore della produzione nazionale”.

L’articolo 2105, invece, fornisce la definizione dell’obbligo di fedeltà, affermando che Il prestatore di lavoro non deve trattare affari, per conto proprio o di terzi, in concorrenza con l’imprenditore, né divulgare notizie attinenti all’organizzazione e ai metodi di produzione dell’impresa, o farne uso in modo da poter recare ad essa pregiudizio”. 

Da ciò si evince come uno degli aspetti più complessi in materia di diritto d’impresa riguardi la tutela del patrimonio, non solo in relazione alla concorrenza di altre aziende, quanto piuttosto in riferimento ai segreti industriali e alle informazioni aziendali detenute dai dipendenti. 

Quali sono gli atti di concorrenza sleale?

La materia della concorrenza sleale è ampia e complessa, soprattutto in merito alla sottrazione di informazioni riservate, dati o disegni protetti da misure di sicurezza, effettuata da ex dipendenti o collaboratori allo scopo di ottenere indebiti vantaggi in nuove realtà lavorative.

Il reato di concorrenza sleale si configura, in primis, quando sussistono tutte le condizioni necessarie affinché tra due soggetti si instauri un regime concorrenziale. Ciò vuol dire che non può esserci concorrenza (sleale o meno) se non quando due aziende operano nello stesso ambito e si rivolgano alla stessa clientela.

L’articolo 2598 definisce gli atti di concorrenza sleale, ossia le pratiche e i comportamenti illeciti con i quali un soggetto arreca un danno ad un concorrente operante nel medesimo settore, o vi trae un indebito vantaggio. Le fattispecie individuate includono:

  • Atti di confusione: è colpevole di concorrenza sleale chi usa nomi o segni distintivi che siano idonei a produrre confusione con quelli utilizzati in modo legittimo da altri, oppure coloro che imitano i prodotti di un concorrente senza alcun tipo di originalità, o ancora chi crea con qualunque altro mezzo una possibile confusione con i prodotti e l’attività di un concorrente.
     
  • Atti di denigrazione, appropriazione e vanteria: è concorrenza sleale la diffusione di notizie tendenziose e apprezzamenti diffamanti sui prodotti e sulle attività di un concorrente che possono determinare discredito degli stessi, o l’appropriazione di pregi dei prodotti o dell’impresa di un concorrente.
     
  • Atti contrari alla correttezza professionale: il codice civile configura genericamente come atto di concorrenza sleale qualsiasi altro atto, implicito o esplicito, non conforme ai principi di correttezza professionale (stabiliti nell’art. 1175 c.c.)  con cui si rechi danno ad un’impresa concorrente. Tali pratiche includono:
     
    • dumping: pratica consistente nella vendita dei propri prodotti a basso costo per eliminare i concorrenti.
    • storno di dipendenti: spesso collegato allo sviamento della clientela, è l’atto mediante il quale un’azienda istiga i dipendenti di una concorrente a dimettersi per poi assumerli, al solo fine di arrecarle un danno.
    • violazione del patto di non concorrenza: accordo facoltativo scritto con il quale l’ex dipendente di un’azienda, cessato il contratto, si impegna a non svolgere attività concorrenziale nei riguardi dell’ex datore di lavoro, dietro ad un corrispettivo, per un tempo determinato e circoscritto ad un determinato luogo;
    • Concorrenza sleale per sviamento della clientelasi verifica ad esempio quando gli ex dipendenti o manager dirottano i clienti delle stesse aziende verso altre realtà concorrenti mediante procedure sleali.
    • Spionaggio industriale: pratica che consiste nell’acquisire in maniera non autorizzata informazioni industriali e commerciali da altre aziende, inclusa l’appropriazione illecita del know-how aziendale.
    • dipedente infedelel’obbligo di fedeltà descritto nell’art. 2105 c.c. si traduce nel divieto di trattare affari per conto proprio o di terzi in concorrenza con l’azienda per la quale il dipendente lavora.
       

Quando è possibile denunciare per concorrenza sleale?

Non occorre riscontrare l’elemento soggettivo per sanzionare atti di concorrenza sleale, essendo rilevante anche il solo danno potenziale; al contrario, per il risarcimento del danno è necessario l’accertamento giudiziale del dolo o della colpa, contestualmente alla prova di un danno patrimoniale attuale. In particolare, rispetto all’onere della prova in capo al concorrente danneggiato, l’art. 2600 c.c. dispone la presunzione relativa alla sussistenza della colpa in seguito dall’accertamento dell’atto di concorrenza sleale. 

Per denunciare un atto di concorrenza sleale è necessario però depositare un ricorso dinanzi al Tribunale di competenza: l'art. 2599 c.c. prevede che “La sentenza che accerta atti di concorrenza sleale ne inibisce la continuazione e dà gli opportuni provvedimenti affinché ne vengano eliminati gli effetti”.

Inoltre a norma dell'art. 2600 cod. civ., il danneggiato può chiedere ed ottenere il risarcimento del danno, in forza dei principi generali relativi alla responsabilità per atto illecito (art. 2043 cod. civ.) purché concorra il requisito soggettivo del dolo o della colpa del concorrente che si sia reso autore delle denunziate violazioni.

Vuoi sapere quali prove servono per dimostrare che un ex dipendente abbia compiuto atti di concorrenza sleale? Scoprilo nel nostro articolo dedicato.

Come difendersi dalla concorrenza sleale

La concorrenza sleale può danneggiare non poco l’attività di un’azienda, tanto in termini di credibilità quanto in termini di profitto. I segnali che possono svelare l’esistenza di una condotta scorretta da parte di uno o più concorrenti sono diversi e vanno dalla riduzione della clientela alla contrazione dei profitti, fino alla circolazione di informazioni riservate o denigratorie. 

Per difendere la propria impresa da atti di concorrenza sleale e tutelare il patrimonio aziendale, la legge consente di avvalersi dell’operato di agenzie investigative, al fine di individuare i colpevoli e le dinamiche dell’illecito, oltre a provare con valore legale quanto avviene, al fine di ottenere l’interruzione delle pratiche lesive e il risarcimento dei danni. Le operazioni d’indagine prevedono un’analisi dei sospetti esposti, in base ai quali verrà impostata l’attività operativa, consistente nell’osservazione, controllo e pedinamento del soggetto d’interesse, finalizzate all’acquisizione di prove relativamente a frequentazioni di luoghi e di persone, oltre ad individuare, a mezzo della Digital Forensics, eventuali illecite intrusioni, alterazioni o copie di documenti e informazioni attinenti all’azienda.

Attraverso indagini aziendali approfondite è possibile analizzare le attività di soci e collaboratori, oltre agli eventuali legami con aziende concorrenti, investigando su storni e sviamenti della clientela, verificando la corretta applicazione del patto che delimita la concorrenza e indagando sulla tutela di marchi e brevetti. Le investigazioni sono volte alla raccolta di dati e prove che potranno essere utilizzate per la stesura di una relazione finale dal valore legale.

L’Agenzia Investigativa Dogma S.p.A, operante su tutto il territorio italiano e a livello internazionale con le sedi di Torino, Milano, Roma, Londra e New York, svolge indagini approfondite e dettagliate, grazie ad un team di agenti ed analisti altamente qualificati, al fine di verificare eventuali atti di concorrenza sleale da parte di ex dipendenti o collaboratori, tutelando il patrimonio dell’azienda ed accompagnandola, attraverso la raccolta di prove documentali e testimoniali, fino al raggiungimento dell’obiettivo prefissato.

AutoreDr.ssa Katia Trevisan
Responsabile Divisione Legale Dogma S.p.A.

Per ricevere una Consulenza riservata e Gratuita in tema di Concorrenza sleale, Chiama il Numero Verde 800 750 751, oppure, utilizza il modulo presente sulla pagina per inviarci una richiesta di preventivo.

 

Puoi anche attivare la tua Indagine Online in modo semplice, sicuro e da qualunque luogo. Scopri come sul sito dedicato.

La realtà pone domande.
Noi cerchiamo le risposte.

- Colloquio preliminare GRATUITO
- Massima RISERVATEZZA
- Risposta RAPIDA
verifica antispam:
confermo di aver preso visione dell'INFORMATIVA
tutti i campi sono obbligatori