PRENOTA UN
APPUNTAMENTO
INVIA UN
MESSAGGIO
News

Falso infortunio sul lavoro: quando è possibile il licenziamento

Un falso infortunio sul lavoro può portare al licenziamento per giusta causa: dimostralo con le investigazioni aziendali di Dogma S.p.A.

 
News

Falso infortunio sul lavoro: quando è possibile il licenziamento

Un falso infortunio sul lavoro può portare al licenziamento per giusta causa: dimostralo con le investigazioni aziendali di Dogma S.p.A.

Che cosa succede se il dipendente simula un infortunio sul lavoro?

L’infortunio sul lavoro viene definito come un evento nefasto che colpisce il dipendente nell’esercizio delle sue mansioni all’interno dell’azienda o comunque durante l’orario di lavoro, ledendo la sua integrità psico-fisica. Le conseguenze di tale evento vanno da un’inabilità temporanea a un’inabilità permanente parziale o assoluta fino alla morte. Perché si possa parlare di infortunio sul lavoro l’inabilità deve superare i tre giorni

Gli elementi sono quindi rappresentati dall’evento nefasto, dalla lesione al lavoratore, dall’occasione di lavoro e dalla causa violenta. È pertanto fondamentale che vi sia un nesso causale tra lo svolgimento delle mansioni e le lesioni. 

L’ordinamento italiano ha introdotto norme su questo evento già sul finire dell’Ottocento con la Legge 80/1898 cui è seguita, nel 1929, l’assicurazione per le malattie professionali e il Testo Unico delle disposizioni in materia di assicurazione obbligatoria. 

Che cosa succede però se il dipendente simula un infortunio sul lavoro?

L’infortunio sul lavoro: la procedura per dipendente e datore di lavoro

Il dipendente ha l’onere della prova quindi, in caso di infortunio, deve rivolgersi al pronto soccorso, al proprio medico curante o al medico eventualmente presente in azienda. 

Il medico deve emettere un certificato medico contenente la diagnosi e il numero di giorni di inabilità temporanea assoluta al lavoro che verrà poi inviato all’INAIL. Il lavoratore dovrà altresì trasmettere al datore di lavoro il numero identificativo del certificato, la data e i giorni di prognosi. Entro due giorni dalla ricezione, il datore sarà tenuto a presentare la denuncia di infortunio all’INAIL.

Il falso infortunio 

Un dipendente che voglia arrecare un danno all’azienda o ottenere un ingiusto indennizzo potrebbe simulare un infortunio sul lavoro con la complicità di un medico connivente. 

Nel caso, infatti, riesca nel suo intento il danno per il datore di lavoro potrebbe essere duplice. Dal punto di vista delle norme sulla sicurezza potrebbe incorrere in sanzioni mentre dal punto di vista organizzativo potrebbe trovarsi costretto a riorganizzare il lavoro all’interno dell’azienda per coprire l’assenza del dipendente che produce un certificato medico di infortunio. 

Falso infortunio: I rischi per il dipendente

Il rischio principale, sul piano lavorativo, per il dipendente che simula un falso infortunio e viene scoperto è il licenziamento per giusta causa

La condotta è infatti così grave da legittimare l’adozione della forma sanzionatoria più grave in quanto lede sensibilmente il vincolo di fiducia tra datore di lavoro e dipendente. A norma dell’art. 2119 c.c. il datore di lavoro può infatti recedere qualora si verifichi una causa che non consenta la prosecuzione del contratto. 

Il lavoratore vedrà quindi terminare il rapporto di lavoro con effetto immediato, senza necessità di preavviso e senza indennizzo. 

Per quanto riguarda gli altri profili sanzionatori il lavoratore rischia anche la contestazione del reato di truffa ex art. 640 c.p. e di falso ideologico ex art.484 c.p. Allo stesso modo anche il medico connivente rischia di essere sanzionato. 

Come smascherare il falso infortunio: il ruolo degli investigatori privati

Il datore di lavoro che nutra dei dubbi sulla veridicità della certificazione medica e sull’infortunio del proprio dipendente non potrà fare altro che rivolgersi a un’agenzia investigativa.

La simulazione di infortuni sul lavoro rappresenta infatti uno dei reati più diffusi commessi dai dipendenti contro le aziende, ed è una delle ragioni principali per cui i datori di lavoro si rivolgono ad agenzie investigative autorizzate.

Gli investigatori privati potranno mettere sotto osservazione il dipendente e scoprire se l’infortunio è reale o meno e fornire al datore di lavoro una documentazione necessaria a sostenere le sue pretese giuridiche. È fondamentale che tutte le attività svolte dall'agenzia investigativa rispettino le leggi locali e nazionali, garantendo che le prove raccolte siano legalmente ammissibili in tribunale. La competenza giuridica dell'agenzia è essenziale per assicurare che le indagini siano condotte nel rispetto delle normative vigenti.

L’Agenzia Dogma S.p.A, grazie alla sua pluriennale esperienza nella Corporate Investigations e alla professionalità degli esperti investigatori che operano in essa, è in grado di fornire un adeguato supporto nelle indagini di questo tipo. 

Sospettti la simulazione di un infortunio sul lavoro? Chiama il Numero Verde 800.750.751 per ricevere immediatamente un preventivo ed una consulenza riservata e gratuita, oppure PRENOTA UN APPUNTAMENTO.

Ti potrebbero interessare anche

  • Licenziamento per giusta causa esempi

    Licenziamento per Giusta Causa: cos'è, esempi e conseguenze

    Il licenziamento per Giusta Causa scatta quando si verifica un fatto così grave da non consentire la prosecuzione, nemmeno provvisoria, del rapporto di lavoro. In questo articolo scoprirai vari esempi e motivi che possono giustificarlo.
  • licenziare un dipendente a tempo indeterminato

    Come licenziare un dipendente a tempo indeterminato

    Come si può licenziare un dipendente a tempo indeterminato? Un lavoratore può essere legittimamente licenziato per giusta causa, giustificato motivo soggettivo e oggettivo. Dogma S.p.A può aiutare l’azienda, nei casi previsti dalle norme, nella raccolta di elementi probatori utili a giustificare il licenziamento.
  • Dipendente che ruba: cosa fare, cosa rischia e come incastrarlo

    Quando il dipendente ruba sul posto di lavoro: cosa fare e quali sono le conseguenze

    Il lavoratore che ruba in azienda commette il reato di furto e viola il vincolo fiduciario del contratto di lavoro subordinato. Scopri cosa fare e cosa rischia.
  • Licenziamento per giusta causa tutto quello che devi sapere

    Licenziamento per Giusta Causa

    Un dipendente può legittimamente essere licenziato per giusta causa o giustificato motivo e, senza preavviso, se si verifica una situazione che compromette in modo molto grave il rapporto di fiducia tra datore di lavoro e dipendente.

    La realtà pone domande.
    Noi cerchiamo le risposte.


    Un sito non basta a risolvere ogni dubbio e soprattutto a far fronte a tutte le necessità. Utilizza il form qui a lato o la CHAT per contattarci, prenotare un appuntamento e chiederci informazioni.

    • Colloquio preliminare GRATUITO
    • Massima RISERVATEZZA
    • Risposta RAPIDA

    Indica una data e un orario preferito per l'appuntamento:
    Confermo di aver letto l'informativa e la accetto
    Tutti i campi sono obbligatori

    Agenzia Investigativa DOGMA S.p.A.
    Agenzia Investigativa Milano
    Via Cino del Duca, 5
    20122 - Milano
    Tel. +39 02 76281415
    Fax +39 02 76391517
    Agenzia Investigativa Torino
    Corso Vittorio Emanuele II, 92
    10121 - Torino
    Tel. +39 011 5617504
    Fax +39 011 531117
    Agenzia Investigativa Roma
    Via G. Gioacchino Belli, 39
    00193 - Roma
    Tel. +39 06 89871789
    Agenzia Investigativa Londra
    Level 33, 25 Canada Square
    Canary Wharf
    London E15 5LB nb
    Agenzia Investigativa New York
    3rd and 4th Floors,
    57 West 57th Street - Manhattan
    New York 10019 USA
    Seguici su:

    numero verde 800.750.751
    da lunedì a sabato dalle 09:00 alle 20:00
    servizio gratuito da telefono fisso e mobile da Italia

    Privacy Policy
    Cookie Policy

    P.IVA 10425470019