PRENOTA UN
APPUNTAMENTO
INVIA UN
MESSAGGIO
News

Permessi Legge 104: cosa si può fare e cosa non si può fare

La legge 104 disciplina il ruolo e i diritti del cosiddetto “caregiver”, chi all’interno della famiglia si prende cura della persona disabile. Ma cosa si può fare durante i permessi della legge 104? Cerchiamo insieme di fare chiarezza.

 
News

Permessi Legge 104: cosa si può fare e cosa non si può fare

La legge 104 disciplina il ruolo e i diritti del cosiddetto “caregiver”, chi all’interno della famiglia si prende cura della persona disabile. Ma cosa si può fare durante i permessi della legge 104? Cerchiamo insieme di fare chiarezza.

La legge 104/1992 è una normativa quadro emanata dal legislatore italiano per regolare e dettare i principi relativi ai “diritti, integrazione e assistenza della persona handicappata”.
La normativa è stata introdotta per garantire il rispetto della dignità umana e dei diritti delle persone con disabilità in tutti gli ambiti sociali, per rimuovere gli ostacoli all’autonomia del soggetto e le cause di emarginazione della persona. 

La legge 104 disciplina poi anche il ruolo e i diritti del cosiddetto “caregiver”, ovvero la o le persone che all’interno della famiglia si prendono cura della persona disabile. 

Ne beneficia, secondo la lettera della norma, “colui o colei che presenta minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o emarginazione”.

Con riferimento ai permessi di lavoro la normativa estende la copertura ai parenti (entro un certo grado), al coniuge per prendersi cura del disabile. 

La legge Cirinnà (l.76/2016) ha introdotto una novità in merito alle persone che possono beneficiare dei permessi, includendo i conviventi e le parti di un’unione di fatto, equiparandoli al coniuge. 

Se hai bisogno di approfondire il tema dei permessi Legge 104 leggi il nostro articlo PERMESSI LEGGE 104: UNA GUIDA COMPLETA

Come funzionano i permessi di lavoro della legge 104

Il lavoratore disabile in situazione di gravità ha diritto a beneficiare di 2 ore di permesso giornaliero o di 3 giorni lavorativi al mese, frazionabili anche in ore. 

I genitori biologici, adottivi o affidatari di disabili in situazioni di gravità hanno facoltà di ottenere permessi in relazione all’età del figlio e se questi ha meno di tre anni possono godere di 2 ore di permesso giornaliero 

Queste misure si applicano anche ai genitori biologici o adottivi e affidatari se il figlio con disabilità ha meno di tre anni. Se l’età del figlio è compresa tra 3 e 12 anni possono beneficiare di 3 giorni di permesso al mese, frazionabili in ore. Lo stesso vale per il coniuge, il convivente o la parte di unione civile. 

Se il soggetto con disabilità gode già dei permessi previsti dalla legge 104 questo non esclude che possano beneficiarne anche i caregiver.

Ma cosa si può fare durante i permessi della legge 104? Cerchiamo insieme di fare chiarezza.

I permessi di lavoro legge 104: cosa si può e cosa non si può fare

Il principale limite della famosa legge 104 è che la non lo chiarisce espressamente. È prevista solo l’assistenza al familiare disabile, che non deve per forza essere continuativa: in altre parole, non è vietato uscire per prendere una boccata d’aria, o riposarsi per compensare la stanchezza accumulata.

Con una recente sentenza [Cass. sent. n. 6796/22.] la Cassazione ha detto che è possibile sanzionare il dipendente che usa solo una piccola parte del permesso 104 per uso personale invece che per assistere il familiare disabile.

Il lavoratore che debba assentarsi dal posto di lavoro per prestare assistenza a un parente con disabilità non è però obbligato a stare accanto alla persona o chiuso in casa, ma può utilizzare i permessi per svolgere delle incombenze personali o di cura del disabile.

Inoltre un dipendente che si assenti dal lavoro per fare la spesa – ammesso che la faccia per la persona assistita – per andare in farmacia, per svolgere pratiche o altre incombenze non potrà essere sanzionato dal datore di lavoro. 

Secondo un orientamento confermato anche dalla Cassazione, le ore di permesso non devono necessariamente coincidere con quelle di assistenza al parente disabile. L’abuso si verifica soltanto nel caso in cui i permessi vengano utilizzati in modo illecito, ad esempio per svolgere un secondo lavoro o per svolgere attività che non sono inerenti alle attività di cura e assistenza del disabile. 

Per fare un esempio non è sanzionabile il lavoratore che viene visto prendere un veloce caffè con un amico, lo è invece il dipendente che sfrutti le ore di permesso per andare ad esempio in palestra o per svolgere attività ludiche o di svago. 

Quali sono i rischi per chi abusa dei permessi 104?

Nonostante la conoscenza delle disposizioni della legge 104 e cosa si può fare durante i permessi, molti lavoratori non osservano le prescritte norme. Questa situazione, come è evidente, può arrecare danno all'azienda che, oltre a coprire anticipatamente il trattamento economico per conto dell'INPS, deve affrontare l'assenza del dipendente e ristrutturare di conseguenza l'organizzazione del lavoro. Nel lungo periodo, l'abuso può minare la fiducia dell'azienda e, di conseguenza, il posto di lavoro del dipendente. Infatti, il datore di lavoro può avviare un'indagine e utilizzare le prove raccolte per giustificare un eventuale licenziamento.

Il lavoratore che abusa dei permessi 104 rischia una sanzione disciplinare che sarà proporzionata all’entità dell’abuso: si va quindi dal richiamo verbale al licenziamento. L’uso illecito può portare il datore di lavoro a licenziare il lavoratore per giusta causa, cioè senza preavviso, in quanto la condotta del lavoratore mina il vincolo fiduciario su cui si basa il rapporto di lavoro e risulta particolarmente grave. 

Se vuoi saperne di più leggi l’articolo dedicato: Uso improprio dei permessi legge “104” 

AutoreDr.ssa Katia Trevisan
Responsabile Divisione Legale Dogma S.p.A.

Riferimenti normativi

L. 104/1992 

L. 76/2016

Se hai motivate ragioni per sospettare un uso improprio dei Permessi legge 104, rivolgiti a noi per una consulenza professionale. Chiama il Numero Verde per ricevere immediatamente un preventivo ed una consulenza riservata e gratuita, oppure, utilizza il modulo presente sulla pagina per inviarci una richiesta. Puoi anche attivare la tua Indagine Online in modo semplice, sicuro e da qualunque luogo.

Ti potrebbero interessare anche

  • Licenziamento per giusta causa tutto quello che devi sapere
    02/11/2023
    News

    Licenziamento per Giusta Causa

    Un dipendente può legittimamente essere licenziato per giusta causa o giustificato motivo e, senza preavviso, se si verifica una situazione che compromette in modo molto grave il rapporto di fiducia tra datore di lavoro e dipendente.
  • Permessi Legge 104 Covid-19
    07/04/2020
    News

    Permessi Legge 104/92 al tempo del Covid-19

    Estensione dei permessi “legge 104” causa emergenza covid-19: a quali dipendenti spettano e i rischi per il datore di lavoro.
  • 03/11/2019
    News

    Quando si può licenziare un dipendente in malattia?

    Cassazione: legittimo il licenziamento del dipendente che in malattia svolgeva un'altra attività lavorativa, confermata dalle prove testimoniali e documentali dell'agenzia investigativa.
  • legge 104 sentenze cassazione
    31/03/2016
    News

    Legge 104 sentenza Corte di Cassazione

    Sentenze cassazione Legge 104: legittimo il licenziamento per giusta causa se il beneficiario della legge 104 non utilizza tutte le ore di permesso per assistere il parente affetto da disabilità.

    La realtà pone domande.
    Noi cerchiamo le risposte.


    Un sito non basta a risolvere ogni dubbio e soprattutto a far fronte a tutte le necessità. Utilizza il form qui a lato o la CHAT per contattarci, prenotare un appuntamento e chiederci informazioni.

    • Colloquio preliminare GRATUITO
    • Massima RISERVATEZZA
    • Risposta RAPIDA

    Indica una data e un orario preferito per l'appuntamento:
    Confermo di aver letto l'informativa e la accetto
    Tutti i campi sono obbligatori

    Agenzia Investigativa DOGMA S.p.A.
    Agenzia Investigativa Milano
    Via Cino del Duca, 5
    20122 - Milano
    Tel. +39 02 76281415
    Fax +39 02 76391517
    Agenzia Investigativa Torino
    Corso Vittorio Emanuele II, 92
    10121 - Torino
    Tel. +39 011 5617504
    Fax +39 011 531117
    Agenzia Investigativa Roma
    Via G. Gioacchino Belli, 39
    00193 - Roma
    Tel. +39 06 89871789
    Agenzia Investigativa Londra
    Level 33, 25 Canada Square
    Canary Wharf
    London E15 5LB nb
    Agenzia Investigativa New York
    3rd and 4th Floors,
    57 West 57th Street - Manhattan
    New York 10019 USA
    Seguici su:

    numero verde 800.750.751
    da lunedì a sabato dalle 09:00 alle 20:00
    servizio gratuito da telefono fisso e mobile da Italia

    Privacy Policy
    Cookie Policy

    P.IVA 10425470019