EN
Home Page

Partner per la Conoscenza

EN
Permessi Legge 104 guida completa

News

Guida ai permessi Legge 104: cosa sono e chi può utilizzarli

Cosa sono i permessi retribuiti Legge 104? Scopri chi ne ha diritto, come richiederli, estensioni Covid 19, casi di utilizzo improprio.

Cosa sono i permessi Legge 104 e chi ne ha diritto?

La nota “Legge 104” del 1992 è volta all’assistenza, all’integrazione sociale e alla tutela dei diritti delle persone con disabilità. In particolare è posta a tutela di coloro i quali presentano una minoranza fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione.

Molteplici sono le agevolazioni riconosciute dalla Legge 104 ma, senza ombra di dubbio, il principale beneficio riconosciuto dalla stessa è rappresentato dalla possibilità di usufruire dei permessi retribuiti dal lavoro. 

È importante sottolineare che di tali permessi può usufruire non solo la persona affetta da disabilità, ma anche i familiari della stessa. Possono infatti beneficiare dei permessi in oggetto il coniuge, il convivente di fatto o parte dell’unione civile, il genitore, anche adottivo o affidatario, nonché il parente o l’affine entro il secondo grado della persona affetta da disabilità.

Qualora uno dei soggetti appena menzionati manchi, sia deceduto o abbia patologie invalidanti, oppure qualora genitori o coniuge della persona disabile abbiano più di 65 anni, potranno usufruire dei permessi retribuiti dal lavoro anche i parenti o gli affini entro il terzo grado. 

A chi spettano I permessi lavorativi Legge 104?

A questo punto risulta opportuno ricordare che i permessi della L. 5 febbraio 1992, n. 104 (settore privato) e Dlgs 151/2001 (settore pubblico) spettano a:

  • Lavoratori dipendenti sia pubblici sia privati, ai lavoratori delle imprese dello Stato degli Enti Pubblici e degli Enti locali privatizzati;
  • Persone con disabilità grave che lavorano come dipendenti
  • Lavoratori genitori dipendenti di figli in situazione di disabilità grave (naturali, affidatari o adottivi)
  • Genitore, coniuge, parente o affini entro il 2 grado che lavorano come dipendenti pubblici e privati

    Sono, invece, esclusi dalla richiesta di permesso:
     
  • Lavoratori autonomi;
  • Lavoratori parasubordinati.
  • Lavoratori a domicilio;
  • Lavoratori domestici;
  • I lavoratori agricoli a tempo determinato, occupati a giornata.

Non sarà tuttavia possibile usufruire dei permessi ex legge 104 qualora il soggetto con disabilità sia ricoverato a tempo pieno, o 24 ore su 24, in una struttura ospedaliera (o struttura similare) sia pubblica che privata, che presti l’assistenza sanitaria continuativa.

La normativa vigente non prevede alcun preavviso da dare al datore di lavoro, tuttavia è necessario che il dipendente che intenda beneficiare di tali permessi dia tempestiva comunicazione al fine di evitare che l’organizzazione aziendale venga compromessa.

Ai lavoratori affetti da disabilità gravi spettano riposi orari giornalieri di una o due ore, a seconda dell’orario di lavoro, oppure 3 giorni di permesso mensile, anche frazionabili in ore. La legge 104/92 riconosce ai familiari che assistono il disabile la possibilità di usufruire di permessi retribuiti nel limite di 3 giorni al mese, anche frazionabili in ore. Il lavoratore che deve assistere più familiari affetti da disabilità grave può ottenere permessi per ciascuno dei disabili che necessitano di assistenza.

Fruizione permessi legge 104: per figli disabili

Per quanto riguarda i genitori di bambini con disabilità la legge 104 prevede ulteriori tutele. In particolare, per i genitori di bambini fino ai 3 anni di età è riconosciuta la possibilità di fruire dei tre giorni di permesso mensili (anche frazionabili in ore), o dei permessi orari rapportati all’orario di lavoro, oppure del prolungamento del congedo parentale. Se il bambino ha tra i 3 ed i 12 anni, i genitori potranno usufruire dei 3 giorni di permesso oppure, in alternativa, del congedo parentale. Se il bambino è di età superiore ai dodici anni, potranno usufruire soltanto dei 3 giorni di permesso mensile.

I permessi giornalieri ex legge 104/92 sono riconosciuti ad entrambi i genitori del bambino disabile, i quali potranno utilizzarli alternativamente, mentre per assistere un qualsiasi altro familiare disabile grave è consentito usufruire di tali permessi ad un solo lavoratore dipendente.

Quando i permessi mensili per la 104 sono di 6 giorni?

Nella generalità dei casi i permessi legge 104 possono essere utilizzati solo per l’assistenza di un disabile, ma ci sono casi in cui possono anche essere cumulati per assistere pià disabili.

Un lavoratore può assistere più disabili, sommando i 3 giorni di permesso soltanto se i familiari da assistere sono il coniuge, un parente o affine entro il I grado o un parente e affine entro il terzo grado (in questo ultimo caso, però, soltanto se il coniuge o i genitori hanno compiuto i 65 anni di età).

Permessi Legge 104 ed emergenza Covid 19

L'emergenza epidemiologica causata dal Covid 19 ha creato particolari difficoltà alle quali il Governo ha cercato di dare risposta, con le norme contenute nel decreto Cura Italia del 17 marzo 2020 e Decreto Rilancio n. 34 del 18 maggio 2020.

In particolare era stato previsto un ampliamento dei permessi retribuiti  in vigore fino a fine giugno 2020, per cui  i lavoratori dipendenti sia pubblici che privati potevano utilizzare:

  • ulteriori 12 giorni  di permessi ex legge 104 1992 nei mesi di marzo e aprile 
  • ulteriori 12 giorni  di permessi ex legge 104 1992 nei mesi di maggio e giugno 2020, oltre ai 3 già previsti per ciascun mese.

Attualmente non è stato confermato il prolungamento dei 12 giorni di permessi da legge 104, introdotto a marzo 2020.

Permessi 104: come richiederli all'INPS

Per ottenere i permessi 104 è necessario inoltrare apposita domanda all’INPS, attraverso uno dei seguenti canali:

Alla domanda dovranno essere allegati i documenti comprovanti lo stato di disabilità.

In caso di esito positivo, l’INPS comunica all’interessato e all’azienda (via pec o raccomandata) il verbale di accoglimento con l’indicazione di:

  • Soggetto per il quale vengono riconosciuti i permessi;
  • Decorrenza del diritto a fruire dei permessi;
  • Scadenza della validità dell’accoglimento.

Il destinatario dei permessi è tenuto a comunicare preventivamente al datore di lavoro i giorni di assenza e la fruizione degli stessi come permessi Legge 104. È opportuno informare l’azienda con missiva scritta o via mail a seconda delle prassi aziendali.Il permesso ottenuto attraverso la legge 104/92 è un permesso retribuito.

Uso improprio permessi legge 104

Come abbiamo già detto, i c.d. premessi 104 hanno la funzione di consentire ai disabili o ai loro familiari di assentarsi dal lavoro per dedicarsi alle cure sanitarie o all’assistenza personale. Per fruire in maniera lecita dei permessi ex legge 104/92, senza rischiare di incorrere in abusi, il familiare deve prestare assistenza al disabile. Quando si parla di assistenza si fa riferimento a diverse tipologie di attività, da quelle finalizzate a sopperire ai bisogni pratici e fisici della persona con disabilità, a quelle di tipo amministrativo ma anche quelle volte al supporto emotivo.

Dal 2010, infatti, non è più previsto l’obbligo di prestare assistenza continuativa ed esclusiva al familiare disabile durante la fruizione dei permessi. Ciò significa che il lavoratore, durante i periodi di permesso può anche svolgere attività personali, purché non ometta del tutto di prestare assistenza al familiare affetto da disabilità. La normativa vigente è generica sul punto, e quindi il lavoratore deve prestare attenzione. È quindi fondamentale che non venga snaturata la sostanza del permesso.

Qualora non vengano rispettate tali condizioni si configura un abuso dei permessi ex legge 104. L’utilizzo improprio di tali permessi lede irrimediabilmente il rapporto fiduciario con il datore di lavoro, pertanto tale condotta è idonea a giustificare di licenziamento per giusta causa. Inoltre l’abuso, o comunque l’uso improprio, dei permessi 104 può integrare il reato di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato e, nei casi più gravi, il reato di truffa.

Dogma, in particolare, potrebbe rappresentare la soluzione che le Aziende avrebbero per prevenire e risolvere il problema dell’utilizzo improprio dei permessi legge 104. La nostra agenzia investigativa, su incarico del datore di lavoro, laddove ne ravvisi un sospetto, può recepire mandato per la raccolta di elementi probatori documentali e testimoniali necessari  a supportare il licenziamento per giusta causa.

AutoreDr.ssa Katia Trevisan
Responsabile Divisione Legale Dogma S.p.A.


Puoi approfondire il tema Legge 104 negli articoli dedicati:

Uso improprio permessi legge 104
Permessi legge 104: leciti i controlli del datore di lavoro
Permessi Legge 104/92 al tempo del Covid-19
Legge 104 sentenza Corte di Cassazione

 

Se hai motivate ragioni per sospettare un uso improprio dei Permessi legge 104, rivolgiti a noi per una consulenza professionale. Chiama il Numero Verde per ricevere immediatamente un preventivo ed una consulenza riservata e gratuita, oppure, utilizza il modulo presente sulla pagina per inviarci una richiesta.

 

Puoi anche attivare la tua Indagine Online in modo semplice, sicuro e da qualunque luogo. Scopri come sul sito dedicato.

La realtà pone domande.
Noi cerchiamo le risposte.

- Colloquio preliminare GRATUITO
- Massima RISERVATEZZA
- Risposta RAPIDA
confermo di aver preso visione dell'INFORMATIVA
tutti i campi sono obbligatori