PRENOTA UN
APPUNTAMENTO
INVIA UN
MESSAGGIO
News

Quando il dipendente ruba sul posto di lavoro: cosa fare e quali sono le conseguenze

Il lavoratore che ruba in azienda commette il reato di furto e viola il vincolo fiduciario del contratto di lavoro subordinato. Scopri cosa fare e cosa rischia.

 
News

Quando il dipendente ruba sul posto di lavoro: cosa fare e quali sono le conseguenze

Il lavoratore che ruba in azienda commette il reato di furto e viola il vincolo fiduciario del contratto di lavoro subordinato. Scopri cosa fare e cosa rischia.

Dipendente che ruba sul posto di lavoro e il licenziamento per Furto

Il lavoratore che ruba in azienda commette il reato di furto di cui all’art.624 c.p. e incorre nel licenziamento per giusta causa in quanto viola gli obblighi posti alla base del contratto di lavoro subordinato nonché il vincolo fiduciario che deve necessariamente sussistere tra datore di lavoro e dipendente. 

Il furto costituisce condotta così grave da rendere legittima la forma più severa di licenziamento, quella senza preavviso. Il venire meno del vincolo fiduciario e il danno economico che potrebbe derivare dal furto rendono di fatto impossibile la prosecuzione del rapporto di lavoro, configurando la possibilità del recesso per giusta causa prevista dall’art. 2119 c.c. 

Furto e appropriazione indebita: le differenze

Il reato di furto è previsto dall’art. 624 c.p. che punisce la condotta di “chi si impossessa della cosa mobile altrui sottraendola a chi la detiene, al fine di trarne profitto per sé o per altri”. 

Affinché si configuri il furto occorre che l’autore, in questo caso il lavoratore, sottragga al datore di lavoro, a un superiore gerarchico o anche a un collega un bene mobile che sia da questi detenuto. 

La condotta differisce dall’appropriazione indebita, prevista dall’art. 646 c.p., che si realizza quando il dipendente si appropria di denaro o di cosa mobile altrui di cui abbia, a qualsiasi titolo, il possesso

Vi sarà furto, ad esempio, se il dipendente ruba un portafogli, un cellulare o un bene mobile dell’azienda di cui non ha il possesso e appropriazione indebita quando il lavoratore utilizza, per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, un bene che gli è stato lasciato in utilizzo dall’azienda stessa: denaro, un cellulare, un’automobile. 

Cosa rischia il dipendente che ruba e l’onere della prova

Dal punto di vista giuslavoristico, come abbiamo accennato, il lavoratore che ruba rischia il licenziamento per giusta causa, c.d. “in tronco”, ovvero senza alcun tipo di preavviso o indennità.

L’onere della prova spetta tuttavia al datore di lavoro che, per procedere al licenziamento, deve poter raccogliere prove valide a sostenere la contestazione. 

Si tratta di un compito delicato laddove il lavoratore infedele non venga colto in flagrante o non vi sia una delazione o testimonianza di un collega. L’impiego di telecamere sul luogo di lavoro è infatti regolato dalle norme dello Statuto dei Lavoratori e l’utilizzo di riprese video a motivo del sospetto di un furto potrebbe configurare una violazione della contrattualistica e delle normative in vigore a tutela dei lavoratori. Tuttavia, è consentita l’installazione di impianti audiovisivi per esigenze organizzative e produttive, per la sicurezza del lavoro e la tutela del patrimonio aziendale, ma deve essere comunque preceduta da un accordo formale tra il datore di lavoro e le rappresentanti sindacali dei dipendenti.

Rivolgersi a un’Agenzia investigativa rimane una delle soluzioni più indicate laddove non sia possibile provare efficacemente il furto o cogliere in flagranza di reato il lavoratore. 

Cosa fare quando si scopre che un dipendente ha rubato in azienda

La gravità del furto apre senza dubbio la strada alla forma più severa di sanzione disciplinare, quella del licenziamento per giusta causa. 

La condotta del dipendente lede il vincolo fiduciario che si instaura tra datore e dipendente, viola gli obblighi contrattuali e mina l’interesse del datore a vedere eseguita la prestazione di lavoro che diventa, di fatto, improseguibile. 

Il datore di lavoro che colga in flagrante il dipendente infedele o riesca a raccogliere prove adeguate dovrà presentare una contestazione formale al lavoratore, esponendo i fatti per iscritto nel più breve tempo possibile dalla realizzazione della condotta illecita. Il lavoratore, per parte sua, avrà cinque giorni per presentare le sue difese. Nel caso l’azienda decida di optare per il licenziamento, il provvedimento dovrà essere comunicato per iscritto a pena di nullità e contenere le motivazioni.  

Accanto ai profili giuslavoristici si affiancano anche quelli civilistici e penali. Il furto è infatti un reato procedibile a querela di parte, il datore di lavoro – oltre a comminare il licenziamento per giusta causa – potrebbe quindi denunciare il proprio dipendente all’Autorità Giudiziaria e agire, sul piano civile, per il risarcimento del danno laddove il valore dell’oggetto sottratto indebitamente lo giustifichi o il bene non venga o non sia restituibile. 

Il ruolo dell'ivestigatore "nell'incastrare" un dipendente che ruba

Grazie alla sua pluriennale esperienza e a un team di professionisti preparati ed esperti l’Agenzia Investigativa Dogma S.p.A. è in grado di fornire un supporto indispensabile al datore di lavoro e alle aziende che abbiano sospetti su un dipendente che commette un furto. Cercare personalmente le prove necessarie per incastrare il dipendente potrebbe essere un’azione estremamente rischiosa e sconsigliata. Un approccio non professionale potrebbe compromettere la raccolta delle prove incorrendo anche nel rischio di infrangere le leggi sulla privacy.

Gli investigatori dell’Agenzia Dogma S.p.A. saranno in grado di fornire una consulenza preziosa e coadiuvare il datore di lavoro nell’adozione dei migliori metodi legali per raccogliere prove sul furto, oltre a creare un dossier dall'alto valore giuridico, che potrà sostenere le pretese del datore stesso in caso di azione legale nei confronti del dipendente infedele. 

Effettuiamo inoltre un'analisi dettagliata sulla condizione complessiva dell'azienda, riconoscendo le carenze nella sicurezza e predisponendo adeguate misure di prevenzione, volte a minimizzare i rischi derivanti dagli eventi di natura dolosa, per evitare che si ripetano in futuro.

Sospettti un furto in anzienda? Chiama il Numero Verde 800.750.751 per ricevere immediatamente un preventivo ed una consulenza riservata e gratuita, oppure PRENOTA UN APPUNTAMENTO.

Ti potrebbero interessare anche

  • la tutela dei segreti commerciali

    La tutela dei Segreti Commerciali

    I segreti commerciali includono una vasta gamma di informazioni e know-how che devono essere tutelati come patrimonio aziendale. Scopri la normativa di riferimento e il potere di controllo del datore di lavoro.
  • Le visite fiscali ai tempi del Covid-19: le nuove regole

    Durante l’attuale emergenza sanitaria Covid-19, le visite fiscali per accertare la malattia di un dipendente non sempre possono risultare efficaci: Dogma S.p.A. può supportare le aziende nella raccolta di evidenze utili a dimostrare l’eventuale finta malattia, legittimando il licenziamento.
  • Licenziamento per giusta causa tutto quello che devi sapere

    Licenziamento per Giusta Causa

    Un dipendente può legittimamente essere licenziato per giusta causa o giustificato motivo e, senza preavviso, se si verifica una situazione che compromette in modo molto grave il rapporto di fiducia tra datore di lavoro e dipendente.
  • Quando si può licenziare un dipendente in malattia?

    Cassazione: legittimo il licenziamento del dipendente che in malattia svolgeva un'altra attività lavorativa, confermata dalle prove testimoniali e documentali dell'agenzia investigativa.

    La realtà pone domande.
    Noi cerchiamo le risposte.


    Un sito non basta a risolvere ogni dubbio e soprattutto a far fronte a tutte le necessità. Utilizza il form qui a lato o la CHAT per contattarci, prenotare un appuntamento e chiederci informazioni.

    • Colloquio preliminare GRATUITO
    • Massima RISERVATEZZA
    • Risposta RAPIDA

    Indica una data e un orario preferito per l'appuntamento:
    Confermo di aver letto l'informativa e la accetto
    Tutti i campi sono obbligatori

    Agenzia Investigativa DOGMA S.p.A.
    Agenzia Investigativa Milano
    Via Cino del Duca, 5
    20122 - Milano
    Tel. +39 02 76281415
    Fax +39 02 76391517
    Agenzia Investigativa Torino
    Corso Vittorio Emanuele II, 92
    10121 - Torino
    Tel. +39 011 5617504
    Fax +39 011 531117
    Agenzia Investigativa Roma
    Via G. Gioacchino Belli, 39
    00193 - Roma
    Tel. +39 06 89871789
    Agenzia Investigativa Londra
    Level 33, 25 Canada Square
    Canary Wharf
    London E15 5LB nb
    Agenzia Investigativa New York
    3rd and 4th Floors,
    57 West 57th Street - Manhattan
    New York 10019 USA
    Seguici su:

    numero verde 800.750.751
    da lunedì a sabato dalle 09:00 alle 20:00
    servizio gratuito da telefono fisso e mobile da Italia

    Privacy Policy
    Cookie Policy

    P.IVA 10425470019