EN
Home Page

Partner per la Conoscenza

EN
La Security al tempo del Covid-19: il Protocollo

News

La Security al tempo del Covid-19: il Protocollo per la Sicurezza Aziendale

Il protocollo per la sicurezza nelle aziende con tutte le misure previste dall’intesa tra il Governo, i Sindacati e le Associazioni di categoria, per garantire la salute dei lavoratori durante l’emergenza Coronavirus.

Gli eventi delle ultime settimane hanno presentato una vasta gamma di sfide per la comunità globale a causa del COVID-19.
In tal senso l'11 marzo scorso l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato lo stato di pandemia. La risposta iniziale di molti governi di tutto il mondo ha portato a restrizioni di viaggio, coprifuoco e quarantena, scatenando panico ed evidenziano carenze di attrezzature mediche.

Le azioni iniziali hanno avuto un impatto notevole sulla popolazione a livello globale evidenziando nuovi modi di lavorare. Tuttavia, una volta che la fase acuta passerà ed il mondo potrà subire una nuova fase di stabilizzazione in un periodo di "nuova normalità", è assai probabile che la vita delle popolazioni subirà un cambiamento radicale e sicuramente anche i protocolli relativi alla sicurezza subiranno delle implicazioni nel lungo periodo in tutto il mondo.

In questo senso le organizzazioni internazionali stanno esplorando nuove risposte programmatiche soprattutto nelle aree interessate dal COVID-19, ed è sicuramente importante guardare oltre le fasi iniziali della pandemia. Il COVID-19 è ormai diventato un serio problema della nostra esistenza e le regole sulla sicurezza avranno come sfida nuovi scenari e tutti in via di definizione.

È fondamentale che le strutture governative e aziendali continuino a monitorare e seguire gli sviluppi a livello globale molto da vicino. La raccolta di informazioni e l'analisi contestuale saranno fondamentali per la capacità di organizzarsi per mitigare il rischio e fare le giuste valutazioni sulla sicurezza delle persone e dei beni. Probabilmente ci saranno nuove e inaspettate minacce e tutte le organizzazioni dovranno essere preparate per contrastare le nuove minacce. 

Il protocollo per la sicurezza nelle aziende durante l’emergenza COVID-19

Nel frattempo il Ministero della Salute italiano ha diramato un protocollo per la sicurezza nelle aziende con tutte le misure efficaci relative alla salute ed alla sicurezza dei lavoratori. Tutte queste misure dovranno essere garantite in tutte le aziende grazie a un protocollo approvato tra sindacati e imprese in accordo con il Governo. Il documento consiste in 13 punti volti a contrastare e prevenire la diffusione del nuovo coronavirus nei luoghi di lavoro. Di seguito tutti i punti di interesse:

  1. Obbligo a casa se con febbre oltre 37.5: obbligo di rimanere al proprio domicilio in presenza di febbre (oltre 37.5) o altri sintomi influenzali e di chiamare il proprio medico di famiglia e l'autorità sanitaria.
  2. Controlli all’ingresso: il personale, prima dell'accesso al luogo di lavoro, potrà essere sottoposto al controllo della temperatura corporea.
  3. Limitare i contatti con i fornitori esterni: per l’accesso di fornitori esterni si devono individuare procedure di ingresso, transito e uscita, mediante modalità, percorsi e tempistiche predefinite, al fine di ridurre le occasioni di contatto con il personale. Va ridotto anche l’accesso ai visitatori.
  4. Pulizia e sanificazione: l'azienda assicura la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica dei locali, degli ambienti, delle postazioni di lavoro (comprese tastiere, schermi touch, mouse), delle aree comuni e di svago e dei distributori di bevande e snack.
  5. Igiene delle mani: è obbligatorio che le persone presenti in azienda adottino tutte le precauzioni igieniche, in particolare per le mani. L’azienda mette a disposizione idonei mezzi detergenti.
  6. Mascherine e guanti: qualora il lavoro imponga una distanza interpersonale minore di un metro e non siano possibili altre soluzioni organizzative è necessario l'uso delle mascherine e di altri dispositivi di protezione (guanti, occhiali, tute, cuffie, camici) conformi.
  7. Spazi comuni con accessi contingentati (mense, spogliatoi, aree fumatori): l'accesso agli spazi comuni, comprese le mense aziendali, le aree fumatori e gli spogliatoi è contingentato, con la previsione di una ventilazione continua dei locali, di un tempo ridotto di sosta e con il mantenimento della distanza di sicurezza di un metro tra le persone.
  8. Possibile chiusura dei reparti non necessari e smart working: limitatamente al periodo dell’emergenza Covid-19, le imprese potranno disporre la chiusura di tutti i reparti diversi dalla produzione o, comunque, di quelli dei quali è possibile il funzionamento mediante il ricorso allo smart working, o comunque a distanza.
  9. Rimodulazione dei livelli produttivi e dei turni: si può procedere a una rimodulazione dei livelli produttivi. Bisogna assicurare un piano di turnazione dei dipendenti dedicati alla produzione con l'obiettivo di diminuire al massimo i contatti e di creare gruppi autonomi, distinti e riconoscibili.
  10. Ammortizzatori sociali e ferie: utilizzare in via prioritaria gli ammortizzatori sociali o se non fosse sufficiente utilizzare i periodi di ferie arretrati e non ancora fruiti.
  11. Stop trasferte e riunioni: sospese e annullate tutte le trasferte e i viaggi di lavoro nazionali e internazionali, anche se già concordati o organizzati. Non sono consentite neanche le riunioni in presenza (solo quelle urgenti ma con un numero ridotto di persone e a un metro di distanza interpersonale).
  12. Orari ingresso-uscita scaglionati: si favoriscono orari di ingresso/uscita scaglionati in modo da evitare il più possibile contatti nelle zone comuni (ingressi, spogliatoi, sala mensa).
  13. Gestione di un caso sintomatico: nel caso in cui una persona presente in azienda sviluppi febbre e sintomi di infezione respiratoria come la tosse, lo deve dichiarare immediatamente all'ufficio del personale, si dovrà procedere al suo isolamento e a quello degli altri presenti dai locali.
    L'azienda avverte immediatamente le autorità sanitarie competenti e i numeri di emergenza per il Covid-19 forniti dalla Regione o dal ministero della Salute.
    L’azienda inoltre collabora per la definizione degli eventuali contatti stretti. È costituito in azienda un Comitato per l'applicazione e la verifica delle regole del protocollo di regolamentazione con la partecipazione delle rappresentanze sindacali aziendali e del Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza.

Tali provvedimenti, fino a nuovo ordine, faranno sicuramente parte della nostra quotidianità e le organizzazioni a qualsiasi livello dovranno sin da subito:

  • continuare a condurre periodiche valutazioni del rischio per la sicurezza soprattutto in relazione ai nuovi scenari;
  • monitorare e aggiornare i piani di emergenza COVID-19, adattandoli alle circostanze lavorative e di vita quotidiana;
  • garantire che la sicurezza e il benessere del personale siano efficaci in qualsiasi contesto, sia da casa che nei luoghi di lavoro;
  • creare dipartimenti di Cyber Security, anche in outsourcing, al fine di tutelare l’architettura delle reti informatiche delle varie organizzazioni con la consapevolezza di prevenire attacchi esterni a tutela delle informazioni strategiche e dei dati personali, che transiteranno attraverso le reti e le cd attività in smart working;
  • aggiornare costantemente le procedure per gli accessi nei luoghi di lavoro utili a garantire la sicurezza delle persone nel rispetto dei nuovi protocolli che rispondono all’emergenza COVID-19 e che siano adattabili a tutti i nuovi scenari;
  • rispettare le istruzioni delle autorità locali che sicuramente saranno oggetto di continue modifiche.

L’emergenza generata dal COVID-19, nell’ambito della security aziendale, ha impattato anche sulla privacy delle persone. Sebbene in una fase iniziale, con il Parere del 2 marzo 2020, il Garante della Privacy si è espresso in modo negativo sulla rilevazione della temperatura corporea dei dipendenti, raccomandando ai Titolari del trattamento di non effettuare iniziative autonome che prevedano la raccolta di dati anche sulla salute di utenti e lavoratori che non siano normativamente previste o disposte dagli organi competenti.

Con il “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” la situazione è mutata. 

Il Protocollo, infatti, stipulato tra il Governo, i Sindacati e le Associazioni di categoria, ha stabilito che il personale prima dell’accesso al luogo di lavoro potrà essere sottoposto al controllo della temperatura corporea, senza che il dato venga registrato. L’unica eccezione nel caso in cui la temperatura rilevata sia superiore ai 37,5°, in tale circostanza è possibile identificare l’interessato, registrare la temperatura e impedirne l’accesso ai locali.

Lo stato di emergenza in cui ci troviamo ha reso necessaria l’adozione di misure eccezionali che prevedono anche la sospensione temporanea di diritti sulla protezione di dati personali, sempre nel rispetto dei principi di necessità e proporzionalità già previsti dal Regolamento Europeo 2016/679. 

Tale condizione dovrà essere circoscritta al periodo di emergenza, che una volta cessato, richiederà il ripristino delle piene garanzie e delle regole dei dettati normativi.

La valutazione iniziale delle minacce e le misure di mitigazione del rischio raccomandate sono solo l'inizio di ciò che dovrà essere un nuovo approccio alla sicurezza per le organizzazioni di tutto il mondo. Sarà fondamentale che il personale sia ben informato e adeguatamente preparato per affrontare i nuovi rischi, siano essi medici, responsabili della sicurezza o comuni cittadini.

Dogma S.p.A. ha le competenze per assistere tutte le organizzazioni nella corretta codificazione delle procedure idonee a mitigare i rischi di cui sopra, anche nel rispetto dei nuovi protocolli imposti dalla legge, evitando, in tal modo, comportamenti non conformi ed adeguati alle vigenti normative. 

Autore: Claudio Lisi
Business Intelligence and Security Area Manager

Per ricevere una Consulenza riservata e Gratuita in tema di Security aziendale, Chiama il Numero Verde 800 750 751, oppure, utilizza il modulo presente sulla pagina per inviarci una richiesta di preventivo.
La realtà pone domande.
Noi cerchiamo le risposte.

- Colloquio preliminare GRATUITO
- Massima RISERVATEZZA
- Risposta RAPIDA
verifica antispam:
confermo di aver preso visione dell'INFORMATIVA
tutti i campi sono obbligatori